Home » Reviews

Reviews

 

Eccellente è Cristina Melis, nei panni di Suzuki. La sua è una interpretazione di grande impatto, grazie ad una splendida voce duttile, sonora, omogenea in ogni registro e adeguata ad un’espressività d’effetto.

Grigorij Filippo Calcagno, IeriOggieDomani.com

 Bologna, 23 febbraio 2020

 

Madama_Butterfly_F. B. Pinkerton-Raffaele Abete_Suzuki Cristina Melis_5D4_9177_∏AndreaRanzi-StudioCasaluci
©Andrea Ranzi/Studio Casaluci

 

 

Aida Circuito Lombardo:

 Ben in parte, sia scenicamente che vocalmente, l’appassionata #Amneris di #CristinaMelis, rotonda in zona centrale e grave, svettante in acuto con estrema incisività...

Andrea Merli impiccione viaggiatore

 Como 29 Novembre 2019

 

 

L’Amneris di #CristinaMelis si distingue per una voce #mezzosopranile ambrata, vellutata nelle note basse, lucente in quelle alte, come ampiamente dimostrato soprattutto nel quarto atto, dove conclude l’impegnativa Scena del Giudizio con un la timbrato e sfolgorante. #L’attrice è, poi, credibile, interpretando una donna risoluta e innamorata, non la solita virago alla quale siamo spesso abituati....

 https://www.connessiallopera.it/…/2019/como-teatro-sociale…/ 

 

 

#Eccellente la #Amneris di #CristinaMelis, super esperta in questo ruolo. #Ottima per volume, #qualità della #voce e #interpretazione. Fa molto bene nel #duetto con Radamès del IV atto, in cui sfoggia #bellissime note di #petto, con voce #omogenea nei passaggi, risultando del tutto convincente. Nell’Anatema contro i sacerdoti la voce si fa un poco più debole, forse per la stanchezza dovuta alla parte impegnativa, ma compensa con un’interpretazione superba.

Roberto Cighetti

Teatro Ponchielli

Cremona | 15-17 novembre 2019

 

 

Muscolare anche la prova di Cristina Melis, Amneris che si impone grazie ad una voce avvolgente e sempre ben timbrata, anche nei passaggi all’acuto che Verdi chiede.